Home Notizie Suicida a 15 anni, un ultimo messaggio audio alle amiche

Suicida a 15 anni, un ultimo messaggio audio alle amiche

112

Suicidio a Ponte Lungo, il messaggio audio alle amiche prima di lanciarsi sotto la metro.

inviato un messaggio alle amiche del cuore, poi ha atteso l’arrivo della metropolitana e si è lanciata sotto i binari. Un WhatsApp vocale arrivato allo stesso momento al telefono di due giovani liceali che si trovavano sui banchi di scuola dove invece Alessandra (nome di fantasia) non è mai arrivata. Poi la corsa al commissariato sino alla scoperta della tragedia, una volta scoperto che la 15enne si era suicidata gettandosi sotto un convoglio della linea A alla stazione metro Ponte Lungo.

Una tragedia inaspettata, un fulmine a ciel sereno per la mamma, le docenti e le amiche di Alessandra, che non aveva manifestato intenti suicidi prima di compiere l’estremo gesto. Un suicidio sul quale gli investigatori sembrano avere pochi dubbi. Avvalorato dalla testimonianza del macchinista del vagone della metro che, sotto choc, ha raccontato ai poliziotti di come la giovane si sia gettata volontariamente dalla banchina all’arrivo del treno.

“Non fate come me, se avete bisogno di parlare con qualcuno fatelo“, questo il vocale inviato dall’adolescente alle sue amiche. Le stesse, ascoltate anche loro dagli inquirenti, non hanno saputo indicare motivi validi che indicassero un malessere della 15enne. Con alle spalle un lutto familiare abbastanza recente, Alessandra viveva e frequentava un liceo in zona San Giovanni.

Martedì mattina, primo giorno di liceo dopo la pausa per le festività natalizie, Alessandra è uscita da casa per recarsi all’istituto superiore ma al suono della campanella non era a scuola. Intorno alle 11:00 la tragedia, preceduta dal messaggio alle amiche.

Sequestrato il telefono cellulare dell’adolescente, gli investigatori del commissariato San Giovanni che indagano sull’accaduto proseguono gli ultimi accertamenti a caccia di elementi utili a ricostruire le ultime ore di vita della ragazza.

Fonte: RomaToday