Home Notizie Corruzione: arrestato funzionario dei vigili urbani

Corruzione: arrestato funzionario dei vigili urbani

150

Questo quanto ha determinato l’arresto di un funzionario del Reparto di Polizia Amministrativa e Commercio del III Gruppo Nomentano della Polizia Locale di Roma Capitale. A notificargli la misura cautalere i colleghi del Comando Generale dei vigili urbani romani.

Le indagini, avviate nel 2019, condotte dagli agenti della Polizia di Stato del commissariato Fidene Serpentara, diretto da Fabio Germani, congiuntamente agli agenti di Polizia locale del Gruppo Nomentano, sono state coordinate dalla Procura di Roma.

Diversi i reati contestati al dirigente dei ‘caschi bianchi’: corruzione per l’esercizio della funzione, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio e traffico di influenze illecite.

Le indagini, coordinate dal Procuratore aggiunto di Roma Paolo Ielo e dal Pubblico Ministero Gennaro Varone, hanno permesso di scoprire le relazioni del funzionario grazie a verifiche e intercettazioni telefoniche.

Secondo quanto emerso dalle indagini,  avviate diversi mesi fa, l’uomo, un 54enne, avrebbe ottenuto soldi e utilità, come la promessa dell’assunzione del figlio in una squadra di calcio di una categoria minore, in cambio dell’esercizio illecito della sua funzione.

Secondo l’accusa in un’occasione avrebbe intascato 2mila euro in contanti, a titolo di prestito, per omettere la contestazione di irregolarità nel corso dei controlli alle licenze delle postazione di un ambulante.

In un altro caso il funzionario avrebbe dovuto intercedere per redigere una relazione che attestava la regolare distanza tra una scuola e una sala di slot machine.

Per quanto riguarda l’accusa di traffico di influenze illecite, in cambio della promessa dell’assunzione del figlio nei ranghi della squadra di calcio, l’uomo avrebbe cercato sponsorizzazioni per la società calcistica.

In particolare il funzionario dei ‘caschi bianchi’  avrebbe vantato con un imprenditore, una mediazione illecita verso il sindaco della cittadina di Giulianova (Comune abruzzese della provincia di Teramo), estraneo ai fatti, in cambio di una sponsorizzazione alla società calcistica del Real Giulianova.

In un altro caso l’uomo, sempre in cambio di una sponsorizzazione per la stessa squadra di calcio, avrebbe vantato la mediazione con l‘assessore al Commercio del III Municipio di Roma e con un tecnico, (completamente estranei ai fatti) per la regolarizzazione edilizia di un esercizio commerciale.

Le indagini coordinate dal procuratore aggiunto di Roma, Paolo Ielo, hanno potuto contare su verifiche e intercettazioni effettuate in stretta collaborazione tra la Polizia locale di Roma Capitale e il commissariato di Polizia Fidene-Serpentara.

Al termine delle indagini i colleghi del funzionario corroto gli hanno notificato una misuira di custodia cautelare agli arresti domiciliari.

Fonte: RomaToday