Home Notizie Sciopero a Roma: mercoledì 12 maggio a rischio bus, tram, metro

Sciopero a Roma: mercoledì 12 maggio a rischio bus, tram, metro

141

Mercoledì 12 maggio a Roma il trasporto pubblico e privato è a rischio per lo sciopero nazionale di 4 ore, dalle 8,30 alle 12,30, indetto dal sindacato Usb. L’agitazione, che un primo tempo sembrava potesse interessare solamente i i bus periferici gestiti dalla Roma Tpl, interesserà la rete Atac.

Fino alle 12:30, quindi, bus, tram, metropolitane e ferrovie della Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Civitacastellana-Viterbo. La protesta sarà di caratura nazionale come sottolineato dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e proprio dal sindacato Usb. L’agitazione coinvolgerà anche i lavoratori di Cotral Spa, le consorziate della Regione Lazio e i lavoratori iscritti al sindacato del servizio di Trenitalia (le linee FL).

Le linee della Roma Tpl a rischio per lo sciopero del 12 maggio

Ecco l’elenco completo delle linee bus interessate dallo sciopero: 08, 011, 013, 013D, 017, 018, 022, 023, 024, 025, 027, 028, 030, 031, 032, 033, 035, 036, 037, 039, 040, 041, 042, 048, 049, 051, 053, 054, 055, 056, 057, 059, 066, 074, 078, 081, 086, 088, 135, 146, 213, 218, 226, 235, 314, 339, 340, 343, 349, 404, 437, 441, 444, 445, 447, 502, 503, 505, 541, 543, 546, 548, 552, 555, 557, 657, 660, 663, 665, 701, 702, 710, 711, 721, 763, 763L, 764, 767, 771, 777, 778, 787, 789, 808, 889, 892, 907, 908, 912, 982, 985, 992, 993, 998, 999, C1 e C19.

Le motivazioni dello sciopero

“Le associazioni datoriali di settore, Asstra, Anav e Agens, nel più profondo disinteresse verso la categoria respingono un tavolo di confronto su una ampia proposta di rinnovo contrattuale inviata, già dal 2019, dall’Unione Sindacale di Base Lavoro Privato. – si legge in una nota nazionale di Usb – Un rifiuto dettato dal timore che ciò possa nuocere alla immutabilità dell’attuale assetto di quelle relazioni industriali che hanno foraggiato le politiche neoliberiste perseguite negli ultimi due decenni attraverso le privatizzazioni del settore, privatizzazione delle pensioni attraverso il “Fondo Priamo”, privatizzazione della sanità attraverso la creazione del “TPL Salute”. Politiche attuate finora con i sindacati firmatari di CCNL che anche in questa fase non ci fanno stare tranquilli in quanto, dopo diversi incontri con le associazioni datoriali, non hanno mai reso noto la loro proposta e non si conoscono (qualora ce ne fossero della parte sindacale) quali siano le linee guida di rivendicazione della presunta trattativa in corso”.

Non solo. “I lavoratori di RomaTpl sono anni che percorrono chilometri nel Comune di Roma servendo le periferie, cercando di effettuare il loro lavoro nel miglior modo possibile, anche se le condizioni in cui operano sono precarie e in molti casi rischiose. Minacciati da continue contestazioni disciplinari, vessati e pagati spesso in ritardo perché il loro padrone li usa come arma di ricatto per avere in anticipo i soldi dal Comune. Chi si lamenta e chiede i minimi livelli di sicurezza per sé e l’utenza che trasporta, viene punito con ingenti giorni di sospensione e qualcuno finanche licenziato, solo perché ha chiesto dei sacrosanti diritti”, si legge nella nota del comparto romano che riporta anche alcune delle problematiche che i lavoratori hanno chiesto di risolvere.

Fonte: RomaToday