Nuovo centro di distribuzione Amazon, annunciati oltre 200 nuovi posti di lavoro

0
303

Amazon si “allarga” e sceglie ancora una volta il territorio della provincia di Roma. Il nuovo centro di distribuzione che sorgerà ad Ardea nella prossima primavera, permetterà al colosso dell’e-commerce di creare, entro tre anni dall’apertura, oltre 200 posti di lavoro a tempo indeterminato che si andranno ad aggiungere ai 2700 già creati nel territorio laziale, per un totale 13mila in Italia dal suo arrivo, nel 2010.

Amazon nel Lazio

Il sito di Ardea sarà il terzo centro di distribuzione e la settima struttura aperta da Amazon nel Lazio, dove l’azienda ha già creato 2.700 posti di lavoro a tempo indeterminato: Amazon Fresh a Roma, due centri di distribuzione a Colleferro e a Passo Corese, tre depositi di smistamento situati a Pomezia, Settecamini e Magliana. “Siamo orgogliosi ed entusiasti di espandere la nostra attività con un nuovo centro di distribuzione nel Lazio – dice Filippo Fulloni, responsabile del nuovo sito logistico -. Questo nuovo investimento rappresenta un’ulteriore prova del nostro impegno nei confronti delle persone e delle comunità in Italia e ci consentirà di potenziare la nostra rete di consegne, fornendo un servizio ancora più efficiente ai clienti”.

Candidature aperte

Per chi è interessato è già possibile candidarsi: “Consiglierei ad un ragazzo giovane di intraprendere una carriera in Amazon perché di aziende così dinamiche ce ne sono davvero poche”, sottolinea Enrico Scarinci, area manager del centro di distribuzione di Passo Corese. Il centro Amazon di Ardea ricoprirà un ruolo chiave all’interno della rete dei centri di distribuzione dell’azienda in cui i dipendenti prelevano, impacchettano e spediscono gli ordini che saranno poi consegnati ai clienti.

“Grande opportunità per il territorio”

“Quando una grande azienda decide di investire sul territorio, rispettandone le peculiarità e garantendo occupazione, soprattutto giovanile, è sempre la benvenuta – dice il sindaco di Ardea, Mario Savarese -. Nel caso di Amazon, siamo di fronte a una grande opportunità di crescita per Ardea, una risposta concreta alla crisi economica che, purtroppo, da anni attanaglia l’Italia”. Ma per il sindaco Savarese c’è anche la questione dell’impatto che una struttura come questa può avere sul territorio: “L’occhio di riguardo che gli investitori hanno verso l’ecosistema territoriale, con basso impatto ambientale delle opere in corso di realizzazione, grande efficienza energetica e ‘ristori’ in termini di interventi di arricchimento del patrimonio arboreo rende il nuovo polo logistico un punto di partenza per ulteriori investimenti sul nostro territorio. L’auspicio è che le tematiche della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente possano essere incrementate sempre di più”.

Sostenibilità ambientale

Amazon fa sapere che il nuovo centro è stato progettato con massima attenzione al risparmio energetico, con l’obiettivo di conseguire la certificazione Breeam (Building research establishment environmental assessment method) con la valutazione “Excellent”. L’impianto di riscaldamento, la ventilazione e l’aria condizionata degli ambienti saranno gestiti da un sistema intelligente per l’utilizzo e la manutenzione dell’immobile, in grado di offrire agli operatori di magazzino un ambiente di lavoro confortevole e, allo stesso tempo, capace di ridurre i consumi energetici superflui. Inoltre, sarà dotato di pannelli solari e i dipendenti potranno usufruire di postazioni di ricarica per veicoli elettrici e depositi per biciclette.

Fonte: RomaToday