3331 la biblioteca infinita in mostra al colosseo

A+
A
A-


Biblioteca infinita, al Colosseo i luoghi del sapere antico

Vota questo articolo

(0 Voti)

Eventi culturali a Roma marzo-ottobre 2014

Venerdì 14 marzo apre al pubblico la mostra La Biblioteca Infinita. I luoghi del sapere nel mondo antico. L’esposizione, allestita negli ambulacri del Colosseo, è divisa in sette sezioni con 120 reperti tra statue, affreschi, rilievi, strumenti e supporti di scrittura, documenta documenta l’evoluzione del libro e della lettura nel mondo greco-romano dall’età ellenistica al tardo antico, così come i luoghi pubblici e privati dove si scambiava e si custodiva il sapere.

E La biblioteca infinita è una  rassegna didattica nata da due occasioni: la scoperta degli Auditoria di Adriano in piazza Madonna di Loreto in occasione degli scavi della metro C e i risultati degli scavi che abbiamo portato avanti nel Templum pacis, lungo via dei Fori Imperiali, oggi divisi da uno steccato amministrativo, ma non culturale. Uno “steccato amministrativo” che tuttavia è caduto in occasione della mostra, “una delle prime in cui le Soprintendenze lavorano insieme – ha aggiunto Presicce – con l’auspicio che la collaborazione possa andare avanti, perché la città ne ha bisogno”. Anche perché Roma “nasconde ancora moltissimi tesori”. Nelle sezioni iniziali della mostra, una mappatura rivela la presenza delle biblioteche a Roma. A volere la prima struttura pubblica della Città eterna fu Giulio Cesare, anche se la biblioteca Atrium libertatis sorse (tra il Quirinale e il Campidoglio) soltanto dieci anni dopo la sua morte e fu distrutta per costruire il Foro di Traiano. Ma sono l’Auditorium dell’imperatore Adriano e il Tempio della pace, a due passi dal Colosseo, che raccontano dettagliatamente i luoghi che i romani dedicavano al sapere e alla sua trasmissione. E proprio il Tempio della pace, voluto da Vespasiano per sancire il ritorno della pace, era uno spazio policulturale costituito da un giardino porticato in cui venivano esposte sculture e pitture. La mostra, che resterà aperta fino al 5 ottobre, è curata da Rossella Rea (direttore del Colosseo) e Roberto Meneghini, mentre è promossa dalla Soprintendenza speciale ai Beni archeologici di Roma e dalla Sovrintendenza ai Beni culturali di Roma Capitale.

 

Dal 14 marzo al 5 ottobre

Anfiteatro Flavio

Piazza del Colosseo, 1 (clicca qui per vedere la mappa)

Tel. 06.56368003

Orario: tutti i giorni dalle 8.30 alle 16

Biglietti: 12 euro intero, 7.50 euro ridotto

Info: www.coopculture.it


Lascia un commento

I campi contrassegnati con il simbolo (*) sono obbligatori. Codice HTML base è permesso.