Home 3780 festival internazionale di letteratura ebraica

3780 festival internazionale di letteratura ebraica

A+
A
A-


Festival Internazionale di letteratura ebraica

Vota questo articolo

(0 Voti)

In programma dal 13 al 17 settembre

“Conoscere per unire, non dividere”: questo, nelle parole di una degli organizzatori, Ariela Piattelli, il senso del Festival internazionale di letteratura e cultura ebraica che prenderà il via sabato 13 settembre. Tema della settima edizione: What’s up family? Cosa succede in famiglia?, un viaggio e un confronto sull’evoluzione del concetto di famiglia partendo dalla tradizione ebraica, attraversando letteratura, fotografia e bioetica.

La manifestazione, promossa dalla comunità ebraica di Roma, prevede tante e diverse iniziative tra cultura, cucina e musica, tutte a ingresso gratuito. Cinque giorni intensi che animeranno l’antico quartiere ebraico della Capitale. Il primo appuntamento, dunque, sabato 13 con la Notte della Cabbalà, una maratona serale ricca di eventi culturali dedicata alla mistica ebraica nella zona del vecchio ghetto demolito, tra lungotevere De’ Cenci e portico D’Ottavia e tra via Arenula e il teatro Marcello. Sarà una lunga serata, dalle 21 alle 2, tra mostre fotografiche, incontri con scrittori, giornalisti, artisti, concerti e la straordinaria apertura del Museo ebraico e della Grande sinagoga dalle 22 per visite guidate. Durante la serata conversazioni con Fania Oz-Salzberger, figlia di Amos Oz, il capo rabbino della Comunità ebraica di Roma, Riccardo Di Segni, e l’esibizione musicale di Idan Raichel, stella della musica israeliana.

Evento importante anche quello di domenica 14 settembre, Giornata europea della cultura ebraica, tra conversazioni sulla cucina ebraica con la chef Laura Ravaioli, teatro e incontri. E poi ancora appuntamenti e protagonisti – tra cui Lia Levi ed Ennio Morricone – fino a mercoledì 17 settembre, giorno di chiusura della kermesse. “L’idea di fondo- ha spigato Riccardo Pacifici, presidente della comunità ebraica di Roma- è portare un’immagine del mondo ebraico non solo legata alla memoria, ma facendo vedere chi sono gli ebrei che vivono nella Capitale, presenti da oltre duemila anni. Vogliamo far capire chi è l’ebreo della porta accanto. Quest’anno è importante per non piegarci al messaggio che altri vorrebbero legare al mondo ebraico, creando paura e panico. Immaginare la Notte della Cabbalà con decine di migliaia di persone che vengono a godere di questo quartiere può aiutarci a sovvertire questo meccanismo di chi vuole separarci dagli altri”. Il Festival di letteratura e cultura ebraica rientra nella programmazione dell’Estate romana, ed è realizzato con il sostegno di Roma Capitale.

 

Dal 13 al 17 settembre

Antico quartiere ebraico

Ingresso libero

Info: www.festivaletteraturaebraica.it/#

Lascia un commento

I campi contrassegnati con il simbolo (*) sono obbligatori. Codice HTML base è permesso.