Home 3996 a termini l albero dei viaggiatori

3996 a termini l albero dei viaggiatori

A+
A
A-


A Termini l'albero dei viaggiatori

Vota questo articolo

(0 Voti)

Per Natale messaggi d’ironia e preoccupazione

La politica, il lavoro, la crisi, gli affetti familiari: sono i pensieri su cui si concentrano i romani e tutti quelli di passaggio alla stazione Termini nel momento di chiedere un aiuto a Babbo Natale. I desideri sono scritti su post-it e foglietti di fortuna, appuntati ai rami del grande albero di Natale della seconda stazione più frequentata d’Europa. Tutti accompagnati dalla speranza di veder esaudite quelle richieste, spesso bizzarre o incontenibilmente umoristiche. Come quella che si rivolge così a Babbo Natale: “Se sei di sinistra portati Renzi in Lapponia e congelalo per sempre”.

Il governo tiene banco nei pensieri di molti: “Caro babbo Natale, mi basta un lavoro e l’esito positivo al test universitario e, visto che ci sei, dai una coscienza a chi ci governa”. Più pacatamente chiede una mano anche chi vorrebbe fare della cultura un lavoro: “Mi auguro che in questo 2015 si cerchi di valorizzare il patrimonio culturale italiano e noi giovani storici dell’arte in cerca di un’occupazione che possa permetterci di dare libero sfogo alle nostre passioni”. Altri sono più vaghi, ma ugualmente incisivi: “Via i politici e la malavita, solo benessere per questa povera Italia”. Il lavoro tiene banco in tantissimi messaggi: “Vorrei che mamma trovasse finalmente un buon lavoro che le permetta di vivere bene e per non vederla piangere”, scrive qualcuno, a cui si associano altri pensieri filiali: “Caro babbo Natale, fa sorridere mamma”. Chi non si pone limiti scrive: “Fai trovare a Marti un lavoro milionario”, mentre chi resta su richieste generiche chiede “una cosa sola, fare un po’ di fortuna nella vita”. Sull’albero di Termini ci sono anche commoventi ricordi di chi, purtroppo, questo Natale non ci sarè: “A te che hai sempre amato questa città ma stavolta non hai potuto visitarla davvero. L’abbiamo fatto noi per te. Buon natale papà”. Infine, tra i desideri da far esaudire a Babbo Natale non mancano l’immarcescibile “Vorrei la pace nel mondo” e un messaggio di speranza: “Grazie, ho comprato la casa”.

(Dire)

Lascia un commento

I campi contrassegnati con il simbolo (*) sono obbligatori. Codice HTML base è permesso.